Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Associazione delle aziende elettriche svizzere (AES) approva il nocciolo della Strategia energetica 2050 del Consiglio federale, ma auspica cambiamenti rispetto al progetto in consultazione fino a dopodomani. Per l'AES manca in particolare una visione coordinata dello sviluppo della produzione, della rete elettrica e dello stoccaggio dell'energia.

Secondo l'associazione, che ha tenuto una conferenza stampa stamani a Berna, senza un quadro legale che tenga conto di tutti questi aspetti contemporaneamente vi è il rischio di compromettere la sicurezza degli investimenti.

L'AES chiede pure un'estensione delle convenzioni per la promozione dell'efficienza energetica a livello delle piccole e medie imprese (PMI): anche le società con consumi compresi tra 100 e 500 megawattora (MWh) all'anno devono impegnarsi a risparmiare. Le aziende elettriche sostengono poi che la promozione delle energie alternative deve essere fatta dipendere dalla domanda.

La Strategia energetica 2050 è lo strumento che il Consiglio federale si è dato per una svolta in materia a livello nazionale. L'aspetto più appariscente è costituito dall'abbandono del nucleare. Globalmente la strategia intende ridurre i consumi di energia, diminuire la dipendenza dagli agenti fossili e promuovere le fonti rinnovabili. Il consumo energetico pro capite all'anno nel 2035 dovrebbe essere limitato del 35% rispetto al 2000 e l'utilizzazione di corrente dovrebbe essere stabilizzata dal 2020.

Il governo aveva annunciato l'orientamento della nuova politica la scorsa primavera e alla fine di settembre ha poi lanciato la procedura di consultazione su un progetto dettagliato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS