Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Popolo e cantoni si esprimeranno sulla Strategia energetica 2050 fra esattamente un mese.

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

In materia energetica, lo status quo non è sostenibile. Lo afferma oggi il comitato interpartitico favorevole alla Strategia energetica 2050, in votazione il 21 maggio, ricordando l'attuale forte dipendenza dall'estero.

La Svizzera assicura il 75% del suo fabbisogno energetico con le importazioni, due terzi delle quali sono costituite da energie fossili. Ogni anno sono così 10 i miliardi di franchi che finiscono nei Paesi arabi e in Russia per l'acquisto di petrolio, gas e uranio.

I prezzi all'importazione sono imposti da altri e l'approvvigionamento non è garantito. Con l'import la creazione di ricchezza si fa all'estero e non in patria. È un'assurdità economica, sostiene il comitato composto da 150 parlamentari dei principali partiti (UDC escluso), secondo il quale è meglio puntare sull'energia rinnovabile indigena.

SDA-ATS