Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La maggioranza dei dipendenti di Straumann accettano una riduzione dei bonus per far fronte alla rivalutazione del franco: è quanto comunica questa sera il gruppo basilese specializzato nella produzione di impianti dentali.

La riduzione sul piano retributivo sarà del 5% per i collaboratori senza funzioni dirigenziali e del 6% per i quadri di grado inferiore. Più importante ancora sarà il contributo del presidente della direzione generale Marco Gadola, che taglierà del 35% il suo compenso, e dei consiglieri di amministrazione, che vedranno le loro retribuzioni abbassarsi del 28%.

Straumann ha organizzato una consultazione interna il 3 febbraio cui ha partecipato il 93% del personale attivo in Svizzera. Il 96% si è detto d'accordo con gli adeguamenti retributivi. In un primo tempo si era pensato di pagare i lavoratori frontalieri in euro, proposta che è stata però abbandonata.

Straumann dà lavoro in Svizzera a 780 persone, di cui 220 frontalieri. Il 95% degli affari viene realizzato all'estero e il 40% del fatturato è in euro. Il 45% dei costi viene tuttavia calcolato in franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS