Navigation

Strauss-Kahn: ex moglie DSK denuncia madre Banon, dice falso

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2011 - 13:19
(Keystone-ATS)

L'ex moglie di Dominique Strauss-Kahn, Brigitte Guillemette, ha deciso di denunciare per diffamazione Anne Mansouret, la madre di Tristane Banon, la giornalista francese che ha accusato di tentato stupro l'ex direttore generale del Fmi, perché "niente di quello che racconta è vero".

"Non sono una sua amica intima e mia figlia Camille non è mai stata un'amica di Tristane Banon - ha detto la Guillemette in un'intervista al settimanale Le Nouvel Observateur - Tutte le affermazioni che questa donna fa su di me sono false. È tempo di mettere fine a questo delirio doloroso e malsano".

Per quanto riguarda il suo essere "madrina di Tristane Banon", la seconda moglie di DSK tiene a precisare che ha "incontrato Anne Mansouret all'inizio degli anni '90", cioè "molto dopo" il suo matrimonio con Strauss-Kahn, per lavoro: "Non siamo diventate amiche, ci incontravamo ogni tanto in qualche serata - ha continuato -. Anne Mansouret un giorno mi ha telefonato per chiedermi se volevo essere la madrina della sua figlia minore, Anne-Caroline (che poi si è fatta chiamare Tristane Banon, ndr.), che al tempo aveva 17 o 18 anni, e voleva sposare un ragazzo molto praticante. Diceva che io ero l'unica persona che era stata battezzata che conosceva".

"Quando la Banon incontrò DSK per la sua intervista non è stata raccomandata né da me né da mia figlia Camille, con la quale non era in contatto - ha precisato la Guillemette -. È Strauss-Kahn, su richiesta della Banon, che le ha dato il numero di Camille". La giornalista avrebbe quindi chiamato un paio di volte la figlia di DSK per prendere un caffè. È in occasione di questa seconda e ultima volta che "le ha raccontato di essere stata aggredita da Strauss-Kahn - ha spiegato -. Camille era sotto shock ed è rientrata a casa in lacrime. Ho quindi telefonato a suo padre che ha negato l'accaduto. Poi ho chiamato la madre della Banon che mi ha risposto: 'Non è grave tanto io sono l'amante di Strauss-Kahn'".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?