Navigation

Strauss-Khan: scandalo sesso orchestrato da avversari

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2012 - 10:51
(Keystone-ATS)

"Non credevo arrivassero a tanto". Dominique Strauss Khan esce allo scoperto e per la prima volta accusa gli avversari politici legati a Nicolas Sarkozy e il partito dell'Ump di aver distrutto la sua candidatura alla presidenza francese architettando lo scandalo a sfondo sessuale di cui è stato protagonista lo scorso anno quando fu accusato di stupro nei confronti di una cameriera dell'hotel Sofitel a New York.

In un'intervista esclusiva pubblicata dal "Guardian", l'ex direttore del Fondo monetario internazionale punta il dito contro i suoi avversari sostenendo che la rovina provocata a seguito del suo incontro con la cameriera Nafissatou Diallo al Sofitel e la detenzione con l'accusa di stupro sono state orchestrate dai suoi avversari politici.

Anche se non crede che l'incidente sia stato una trappola, Dsk ritiene che l'escalation di eventi dal 14 maggio in poi che portarono all'indagine criminale e che hanno distrutto le sue possibilità di vincere le primarie socialiste per le presidenziali "siano state preparate da quelli che avevano un'agenda politica" e che "molto di più è stato coinvolto che una semplice coincidenza".

Strauss-Khan, inoltre, sostiene di essere stato messo sotto sorveglianza dall'intelligence francese settimane prima del suo arresto per le accuse della Diallo. E lo stesso Dsk accusa collaboratori vicini a Sarkozy di aver intercettato telefonate e di essersi assicurati che la cameriera si rivolgesse alla polizia di New York, facendo in modo così che scoppiasse lo scandalo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?