Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stata la giornata 'campale' di David Cameron per ridurre l'immigrazione nel Regno Unito. Il premier ha attaccato su tutti i fronti: ha lanciato una stretta ai sussidi di disoccupazione per i cittadini Ue che si trasferiscono in Gran Bretagna e perfino partecipato fuori Londra a un raid dell'Home Office contro alcuni clandestini, affermando ai microfoni della Bbc, rivolto agli irregolari: "Vi troveremo e vi manderemo a casa".

Da mesi Cameron aveva promesso di inasprire le leggi in materia dopo i risultati a dir poco deludenti del suo programma che voleva ridurre l'immigrazione dalle centinaia alle decine di migliaia di ingressi.

Non è stato così, e incalzato dall'ala destra all'interno del suo partito tory e dagli avversari dell'euroscettico Ukip ecco che si ritrova a lanciare questo piano tanto controverso. Con tanto di frase ad effetto scelta dal primo ministro: "Mettere la Gran Bretagna al primo posto".

Così gli immigrati dall'Ue senza prospettive di trovare un posto realistiche potranno beneficiare dei sussidi di disoccupazione per tre mesi contro i sei attuali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS