Navigation

Studenti svizzeri studiano nella loro regione linguistica

Gli studenti universitari studiano sempre più nella loro regione linguistica ad eccezione degli italofoni KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 13:56
(Keystone-ATS)

Sono sempre più rari gli studenti svizzeri che si recano in un ateneo situato al di fuori della loro regione linguistica.

Nel 2018, solo il 3% degli Svizzeri tedeschi ha iniziato gli studi in un'università o in una scuola universitaria professionale (SUP) non germanofona; tra i francofoni tale percentuale era del 5%. La situazione era un po' diversa per gli italofoni visto che l'offerta di studi all'Università della Svizzera italiana (USI) è più limitata.

Nel 2018 gli espatriati italofoni sono stati l'84% tra gli studenti universitari e un terzo si sono iscritti a una SUP fuori cantone. Lo rivela un recente studio dell'Ufficio federale di statistica (UST).

Per quanto riguarda i tedescofoni, se all'inizio degli anni 2000 erano ancora circa il 5% a recarsi in un ateneo di un'altra regione linguistica, nel 2018 tale quota si situava al 3,1%. Gli iscritti svizzero-tedeschi all'USI erano quell'anno lo 0,1% e all'università bilingue di Friburgo (UniFR) il 4,1%.

Per gli studenti francofoni si è assistito a una tendenza opposta: all'inizi del nuovo Millennio gli studenti di lingua francese a recarsi oltre Sarine erano il 3,2%, due anni or sono erano saliti al 5%. Nel 2018 all'USI erano presenti lo 0,2% di francofoni. Anche qui spicca la forte presenza (11%) di romandi non friburghesi all'UniFR.

Rispetto ai loro coetanei, gli studenti del sud delle Alpi erano più numerosi negli atenei d'oltre San Gottardo: il 46% si era immatricolati in un'università o scuola universitaria professionale germanofona, il 24% in una francofona, il 14% all'università bilingue di Friburgo e il 16% era iscritto all'USI.

Dalla statistica dell'UST risulta un altro dato significativo: le università svizzere attirano più facilmente studenti da altri Paesi che dalle altre regioni linguistiche nazionali. A livello di dottorato, il 57% dei nuovi studenti provengono dall'estero. In questo caso, è il Politecnico federale di Losanna (EPFL) ad avere il tasso più elevato (85%) di dottorandi stranieri.

A livello di master, gli studenti provenienti dall'estero sono il 34% nelle SUP e il 28% nelle università svizzere. Tra i Paesi di provenienza i più interessati a venire a studiare in Svizzera risultano i Francesi, i Tedeschi e Italiani. Ad attirare maggiormente gli studenti stranieri sono le formazioni in scienze esatte e naturali, nelle arti e in economia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.