Navigation

Sudafrica: 15 anni ad ex capo polizia per tangenti droga

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2010 - 18:26
(Keystone-ATS)

JOHANNESBURG - Un ex alto dirigente della polizia sudafricana, Jackie Selebi, personaggio chiave del Congresso Nazionale Africano (Anc) attualmente al governo, è stato condannato a 15 anni di carcere per corruzione: è stato infatti dichiarato colpevole per aver incassato tangenti da un leader del traffico di droga, Glenn Agliotti. Per ora, Selebi resta in custodia vigilata perché possa presentare ricorso in appello entro 14 giorni.
Con questa sentenza, Selebi diviene uno dei più importanti ufficiali di polizia mai condannato al carcere per il reato di corruzione. Durante il processo, "l'imputato non ha mai mostrato segni di rimorso, ha mentito e ha falsificato l'evidenza", ha spiegato Meyer Joffe, il giudice che ha emesso la sentenza, secondo cui Selebi ha incassato almeno 16'500 dollari da Glen Agliotti, leader del traffico di droga, per ignorare i suoi loschi affari.
"La corruzione è un cancro della società e Selebi ha imbarazzato la corte, le forze di polizia e il Sudafrica", ha evidenziato il giudice. Selebi, che era a capo della polizia internazionale sudafricana, era tra l'altro uno dei principali alleati dell'ex presidente Thabo Mbeki.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.