Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera si è rallegrata oggi dello svolgimento "relativamente tranquillo, pacifico e ordinato" dello scrutinio nel Sud Sudan, dove la popolazione ha accettato la secessione dal resto del Paese africano.

In particolare, la presidente della Confederazione, Micheline Calmy-Rey, ha rilevato che questo referendum costituisce "un passo politico importante verso una pace durevole", precisa questa sera una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Calmy-Rey ha tuttavia deplorato le violenze scoppiate a margine della consultazione, che hanno provocato morti e feriti. Nell'ambito delle sue attività per la promozione della pace, la Svizzera sostiene dalla fine della guerra, in quanto partner neutro, gli sforzi per instaurare una pace durevole in Sudan.

Su richiesta delle due parti, la Svizzera fornisce da alcuni mesi una perizia tecnica nel campo della ripartizione delle ricchezze e dei debiti come pure nel settore bancario e sulle questioni monetarie per accompagnare i negoziati post referendum in corso.

Dopo il chiaro esito del referendum, la Svizzera intende continuare il suo impegno con la medesima intensità, conclude la nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS