Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I disordini egiziani sono frutto di un "complotto" ordito da "Paesi stranieri, dai Fratelli musulmani e da alcuni partiti": lo ha affermato oggi il vice presidente egiziano, Omar Suleiman, in un'intervista alla tv di Stato. Tra i manifestanti pacifici di piazza Tahrir ci sono stati infiltrati, ha detto.

Suleiman ha precisato che "i Paesi stranieri, il movimento dei Fratelli musulmani e altri partiti egiziani hanno delle proprie agende particolari", e che "i giovani attualmente presenti a piazza Tahrir servono a soddisfare queste agende".

Ha anche promesso che "le elezioni presidenziali si terranno prima di settembre, possibilmente ad agosto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS