Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sunrise torna in zona utili nel terzo trimestre: l'operatore telecom ha ottenuto un risultato positivo di 14 milioni di franchi, contro la perdita di 53 milioni nello stesso periodo del 2014.

Su nove mesi l'azienda rimane però in rosso per 138 milioni, ampliando così il risultato negativo di 56 milioni del corrispondente periodo dell'anno scorso.

Il fatturato trimestrale è sceso dell'8,5% a 487 milioni, indica la società in una nota odierna. Una contrazione che l'azienda spiega con la forza del franco, lo smobilizzo hardware Freedom e il continuo peggioramento strutturale nelle attività prepaid e voce su rete fissa. Su nove mesi il giro d'affari si è attestato a 1,46 miliardi di franchi, con una flessione del 3,7%.

La base di clientela però si allarga. Sunrise ha registrato 23'900 nuovi clienti postpaid solo nel terzo trimestre 2015, raggiungendo un totale di 1,38 milioni. Sono anche aumentati gli abbonati netti internet e tv.

"La nostra capacità di continuare ad ampliare la clientela tramite la qualità e la focalizzazione sui clienti è rimasta immutata in un contesto competitivo", afferma il presidente della direzione Libor Voncina, citato in un comunicato odierno. "Grazie alle nostre iniziative di semplificazione e digitalizzazione, vantiamo un'ottima posizione per il futuro". Le difficoltà sul fronte dei ricavi dovrebbero inoltre diminuire grazie alla continua crescita degli abbonati.

Sunrise sta lavorando anche sui costi. Il taglio occupazionale annunciato in settembre è in gran parte già stato avviato, la maggioranza dei dipendenti interessati è stata informata, ha indicato all'ats Uwe Schiller, responsabile presso Sunrise delle relazione con gli investitori. Vengono cancellati 165 impieghi a tempo pieno, attualmente occupati da 175 persone.

Sunrise conferma la propria previsione di una diminuzione dei ricavi a una cifra medio-bassa nel 2015 rispetto al 2014, prevede un EBITDA rettificato di fine anno a livelli simili a quelli del 2014 (in linea con l'aspettativa degli analisti) e conferma la propria politica di distribuzione con un dividendo pari ad almeno 135 milioni di franchi (ossia 3 per azione) per il 2015 da corrispondere nel 2016.

Gli analisti hanno accolto positivamente le novità odierne. I risultati appaiono solidi e leggermente superiori alle aspettative, dopo che i semestrali si erano rivelati deludenti. In Borsa a metà mattinata il titolo Sunrise avanzava di circa il 3% in un mercato generalmente orientato a un ribasso frazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS