Navigation

Suriname: 20 anni a presidente per omicidi oppositori

Il presidente Desiré "Desi" Delano Bouterse KEYSTONE/AP/ERTUGRUL KILIC sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 novembre 2019 - 09:32
(Keystone-ATS)

Il presidente del Suriname, Desi Bouterse, è stato condannato ieri a 20 anni di carcere per gli omicidi di 15 oppositori commessi nel 1982 dall'esercito - secondo la Corte sotto la sua supervisione - dopo un colpo di Stato nel Paese.

Secondo quanto riporta il Guardian, i partiti all'opposizione hanno subito chiesto le dimissioni di Bouterse, che si trova in visita ufficiale in Cina. Dovrebbe rientrare a Paramaribo oggi o domani.

Bouterse ha guidato il Paese sudamericano negli anni Ottanta (1980-1988) nella sua veste di capo del governo militare. È tornato al potere nel 2010 ed è stato rieletto nel 2015.

Il presidente si è sempre dichiarato innocente e può fare appello contro la sentenza. Per il momento il governo ha reso noto di avere "preso atto degli sviluppi" ed ha invitato la "comunità a mantenere la calma". Il tribunale ha inoltre condannato sei ex ufficiali per il loro ruolo negli omicidi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.