Navigation

Susanne Ruoff sarà la nuova direttrice della Posta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2011 - 11:01
(Keystone-ATS)

Susanne Ruoff sarà la nuova direttrice della Posta. Il consiglio di amministrazione l'ha scelta per succedere a Jürg Bucher il prossimo primo settembre, ha annunciato il presidente, Peter Hasler, durante una conferenza stampa a Berna. Susanne Ruoff, 53 anni, è il terzo direttore della Posta in tre anni, dopo la partenza di Ulrich Gygi.

"Susanne Ruoff può vantare una vasta esperienza manageriale in seno a grandi aziende internazionali. Forte di molti anni di esperienza in funzioni direttive presso IBM e infine quale CEO presso BT Switzerland Ltd. (British Telecom), Susanne Ruoff rafforzerà la direzione della Posta in particolare grazie alle sue competenze nel mondo digitale", scrive il Consiglio di amministrazione in un comunicato.

Nei prossimi anni i clienti della Posta Svizzera faranno sempre più ricorso anche a servizi elettronici. La Posta intende quindi proseguite la strategia di integrazione tra "il mondo postale virtuale e quello tradizionale" la 53enne zurighese, laureata in economia, è la persona ideale per accompagnare attivamente questo cambiamento. Inoltre, nel corso della sua attività pluriennale in seno a multinazionali, Susanne Ruoff ha avuto modo di lavorare a stretto contatto con culture e mentalità diverse; un fattore che ha svolto un ruolo importante al momento della sua nomina, aggiunge il Consiglio di amministrazione. Susanne Ruoff è sposata e ha due figli. Vive a Crans-Montana.

Per il sindacato dei media e della comunicazione syndicom la scelta di Susanne Ruoff, prima donna a capo della Posta, "è più di un simbolo visto che le disparità salariali fra donne e uomini rimangono notevoli nel nostro paese". Il sindacato si aspetta che la nuova direttrice continui ad impegnarsi a favore di un buon partenariato sociale. Dopo settimane di incertezze e speculazioni, la Posta ora può nuovamente concentrasi sulle sue principali attività, aggiunge un comunicato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?