Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

STOCCOLMA - "Cari amici, voglio cominciare ringraziando il popolo svedese per avermi dato il mio principe". La futura regina di Svezia ha presentato così ai suoi sudditi Daniel Westling, diventato principe e Duca di Vastergotland dopo il fatidico "sì" pronunciato oggi nella cattedrale di Stoccolma davanti a 1'200 persone, tra cui reali e dignitari provenienti da tutto il mondo.
Un evento attesissimo il matrimonio tra la 32enne erede al trono di Svezia e il suo ex personal trainer: le prime nozze reali nel paese scandinavo da quando, esattamente 34 anni fa, il 19 giugno del 1976, il padre di Vittoria, l'attuale re Carlo Gustavo XVI, sposò Silvia Sommerlath, una borghese tedesca diventata regina.
La storia si ripete, ma questa volta al contrario, in una fiaba modernissima che ha visto oggi un ex istruttore di ginnastica dirigersi all'altare tra due ali di teste coronate. Ma anche oltre 250'000 svedesi che si sono riversati nella capitale per partecipare ai festeggiamenti e stringersi attorno alla coppia reale.
Vittoria è giunta in chiesa nel primo pomeriggio, come previsto, e ha preso il braccio del padre, re Gustavo, che l'ha accompagnata all'altare. Radiosa, molto sobria ma elegantissima in un abito in seta bianco-crema dalle linee semplici, con uno scollo che lasciava appena intravvedere le spalle sul davanti e finiva a punta sulla schiena. Lo strascico, lungo cinque metri, dello stesso tessuto dell'abito.
I capelli raccolti scoprivano il viso illuminato da orecchini pendenti e l'acconciatura era impreziosita da una splendida tiara, la stessa indossata dalla regina Silvia per il suo matrimonio, che c'è chi ritiene essere stato un dono di Napoleone all'imperatrice Giuseppina Bonaparte nel 1809. Anche il velo, in merletto, è da considerarsi un "gioiello di famiglia" indossato dalla trisnonna di Vittoria, la Regina Sofia.
Ad officiare la funzione religiosa tre pastori tra cui anche una donna, in una cerimonia - trasmessa interamente in diretta e in esclusiva dalla televisione pubblica svedese Svt e visibile anche online - senza eccessivi sfarzi, toccante, durante la quale in molti si sono commossi, mentre Vittoria ha quasi sempre tenuto la mano del suo Daniel, incontrato nel 2001 e con il quale da otto anni è inseparabile. La coppia reale ha poi percorso la città in carrozza tra la folla affettuosa ed esultante.

SDA-ATS