Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un commento infelice fatto su Facebook ha costretto il presidente della sezione cittadina UDC di Svitto a rassegnare le dimissioni dalla carica politica e da quella di responsabile della produzione di un'azienda. Si è rallegrato per la morte di un cittadino moldavo, rimasto ucciso da un colpo sparato da un agente a Rickenbach (SZ) la scorsa settimana, durante un controllo di polizia.

Quanto successo "mi ha davvero rallegrato", ha scritto il politico, definendo inoltre il decesso del moldavo quale "misura di risparmio". In seguito all'indignazione generata da queste parole, ha lasciato la carica di presidente dell'UDC di Svitto, ha reso noto il presidente della sezione cantonale Xaver Schuler, confermando una anticipazione di "20 Minuten Online". Il datore di lavoro dell'incauto politico, che fino allo scorso giugno faceva parte del consiglio comunale, ha fatto sapere che anche il posto in azienda si è volatilizzato.

Mercoledì scorso un poliziotto ha sparato colpendo a morte un 24enne moldavo durante un controllo su un veicolo rubato. La dinamica dei fatti non è ancora chiara. Il moldavo è stato colpito da un proiettile sparato da un agente dopo che una pattuglia di polizia aveva fermato, poco prima delle 6 del mattino, un'auto rubata nella notte nel canton Uri. Gravemente ferito, l'uomo è spirato sul posto. Secondo la polizia svittese era ricercato nel canton Zurigo per violazioni della legge sugli stranieri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS