Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Pur se nell'immediato non produrrà alcun effetto concreto, il risultato del voto del Canton Ticino sui lavoratori frontalieri è l'ennesima conferma degli elementi di contrapposizione creatisi nel Cantone nei loro confronti.

Questa situazione viene seguita con la massima attenzione e preoccupazione dalla Regione Piemonte".

Il presidente e il vicepresidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino e Aldo Reschigna, commentano così il voto che pone limiti ai lavoratori frontalieri.

"E' necessario - sottolineano Chiamparino e Reschigna - che il tema ritorni al più presto a essere oggetto del confronto istituzionale, piuttosto che lasciato in balìa del clima, delle strumentalizzazioni e degli umori presenti nel Cantone. La Regione Piemonte è disponibile a riprendere immediatamente il confronto sui lavoratori frontalieri con le autorità del Canton Ticino. Garantiremo anche in futuro la massima attenzione ai nostri cittadini che lavorano oltre frontiera".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS