Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - La Banca mondiale (BM) e la Svizzera hanno esortato oggi il G20 ad agire contro il "saccheggio" dei paesi poveri da parte dei loro stessi dirigenti e a favorire la restituzione degli averi nascosti all'estero. Tra 20 e 40 miliardi di dollari sarebbero trafugati ogni anno da questi paesi.
"Gran parte del denaro rubato trova rifugio sulle piazze finanziarie internazionali", affermano BM e Svizzera, organizzatori di un forum internazionale di due giorni sulla questione apertosi oggi a Parigi. "Dobbiamo favorire la restituzione di questi averi. ne abbiamo gli strumenti e i mezzi", ha dichiarato la direttrice generale della BM Ngozi Okonjo-Iweala, esortando i paesi presenti a ratificare e a mettere in atto la Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione (CNUCC).
La ministra degli esteri elvetica Micheline Calmy-Rey, dal canto suo, ha rilevato che il forum non è soltanto un luogo di discussione. "Vogliamo arrivare a proposte di provvedimenti", ha affermato. A suo avviso, le agenzie di aiuto allo sviluppo potrebbero svolgere un ruolo importante, sostenendo per esempio programmi di lotta contro la corruzione o partecipando al processo di restituzione dei soldi sottratti.
La maggior parte dei partecipanti ha tuttavia sottolineato la lentezza dei progressi fatti e la complessità dei problemi giuridici. Un rappresentante ruandese ha denunciato l'"ipocrisia" di certi stati. A suo avviso sarà difficile fare passi avanti finché non sarà risolto il "problema" dei paradisi fiscali. E ha citato Monaco, Andorra e "le isole tra la Francia e il Regno Unito".
Secondo le informazioni fornite al forum, negli ultimi 16 anni non più di cinque miliardi di dollari hanno potuto essere recuperati dai paesi d'origine. La sola Svizzera ha restituito 1,7 miliardi di franchi, ha sottolineato Micheline Calmy-Rey, ricordando i casi degli averi bloccati dei defunti presidenti delle Filippine Ferdinand Marcos e della Nigeria Sani Abacha. Secondo la consigliera federale, la Svizzera è un "paese leader in materia di restituzione".

SDA-ATS