Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le nuove disposizioni mirano ad aumentare la sicurezza.

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

Le compagnie aeree che offrono collegamenti dagli aeroporti di Algeri, Belgrado, Johannesburg, Il Cairo, Città del Capo, Montréal, Rio de Janeiro, Toronto e Tunisi a destinazione della Svizzera dovranno comunicare in futuro alla Confederazione i dati dei passeggeri.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) a posto in consultazione un progetto di estensione della lista degli scali ritenuti a rischio d'immigrazione illegale, informa oggi il "Foglio federale".

Le compagnie aeree interessate hanno la possibilità, entro il 2 agosto 2017, di indicare alla SEM il canale di comunicazione preferito, se desiderano una fase di prova e la lingua di corrispondenza privilegiata (italiano, tedesco o francese). Sono inoltre invitate a indicare una persona di contatto per le questioni inerenti la trasmissione di prova e la qualità dei dati.

L'obbligo sarà verosimilmente disposto il prossimo agosto con effetto a partire da ottobre/novembre 2017.

La lista degli aeroporti internazionali ritenuti "a rischio" esiste dall'ottobre 2011. I voli in partenza da Delhi, Hong Kong, Mumbai, Mascate, Singapore, Dubai, Dar es Salaam (Tanzania), Nairobi, Pristina, Istanbul, Mosca, Casablanca, Marrakech, Abu Dhabi, Doha, San Paulo, Pechino e Shanghai sono già interessati da tale misura, prevista dalla legge federale sugli stranieri per migliorare i controlli al confine e a lottare efficacemente contro l'entrata illegale.

Le compagnie aeree che compiono regolarmente voli di linea o charter da destinazioni prescelte devono comunicare alla SEM, immediatamente dopo il decollo, le informazioni personali concernenti i passeggeri (identità e dati sui documenti di viaggio) e di volo. La SEM trasmette poi le informazioni al Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS