Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Svizzera-Libia: UE invita Berna a risolvere rapidamente vertenza

BRUXELLES - La commissaria Ue agli Affari interni Cecilia Malmstrom ha "sempre" ricordato che la Commissione Ue è "contraria a proposte o iniziative che mirino a non tenere in considerazione un'allerta invocata da un paese Schengen" perché questo "riaprirebbe il dibattito sull'idea stessa di solidarietà fra i paesi" che aderiscono all'area Schengen.
E' quanto ha detto Michele Cercone, portavoce del commissario Malmstrom, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla proposta, avanzata ieri da Malta, di emettere visti a territorialità limitata estendibili al altri paesi Schengen per, di fatto, aggirare la black-list svizzera che include 188 personalità libiche, fra le quali il colonnello Gheddafi.
Cercone ha quindi ribadito che le nuove regole per l'emissione di visti Schengen a territorialità limitata entrano in vigore il 5 aprile e sono "molto chiare".
Una proposta simile a quella maltese è stata fatta anche dal ministro degli Esteri Franco Frattini durante la sua recente visita a Tripoli. Il titolare della Farnesina ha spiegato di voler avanzare tale proposta alla prossima riunione dei capi delle diplomazie dell'Ue del 22 marzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.