Navigation

Svizzera pronta per colloqui su accordi libero scambio con USA

Guy Parmelin: un eventuale accordo di libero scambio con gli USA dovrà coprire il maggior numero possibile di settori, tra cui anche quelli della proprietà intellettuale e dell'agricoltura. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2019 - 21:32
(Keystone-ATS)

La Svizzera è disposta ad avviare negoziati preliminari per un accordo globale di libero scambio con gli Stati Uniti. È quanto detto oggi dal ministro elvetico dell'economia Guy Parmelin al termine di un incontro con il suo omologo americano Wilbur Ross a Washington.

A margine del vertice annuale del Fondo monetario internazionale (FMI) e del Gruppo della Banca mondiale, Ross si è dimostrato disponibile sulla questione, pur non nascondendo il fatto che attualmente il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti è sovraccaricato da negoziati con altri Stati. Parmelin ha aggiunto che il Segretario di Stato americano al Commercio ha tenuto a chiarire che un eventuale accordo di libero scambio dovrà coprire il maggior numero possibile di settori, tra cui anche quelli della proprietà intellettuale e dell'agricoltura.

Ciò non significherà che il settore agricolo verrà aperto a tutte le importazioni. Tuttavia, ci potrebbero essere prodotti di alta qualità statunitensi, ad esempio, che potrebbero interessare anche i consumatori svizzeri.

Dopo l'incontro con l'incaricato del governo degli Stati Uniti per il commercio, Robert Lightizer avvenuto in primavera, la Svizzera dispone ora dei migliori contatti diretti per poter risolvere le questioni tecniche necessarie ad avviare i colloqui preliminari, ha detto Parmelin.

Dal canto suo la direttrice della Segreteria di stato dell'economia (seco) Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch ha dichiarato di aver esaminato con la controparte statunitense - il rappresentante per il Commercio degli USA (USTR) - tutte le questioni che dovranno essere trattate in un accordo. "Abbiamo cercato di capire dove c'è un terreno comune e dove dobbiamo ancora discutere ulteriormente. L'idea ora è che l'USTR si faccia un'idea di ciò che è possibile", ha detto Ineichen-Fleisc. Se vi saranno segnali che indicano che il terreno comune offre buone prospettive per il raggiungimento di un accordo, sarà presentata al Parlamento una richiesta di mandato per negoziati concreti.

"Siamo pronti", ha detto Ineichen-Fleisch, "ma l'USTR deve dire chiaramente se e a quali condizioni vogliono un accordo. Abbiamo detto chiaramente cosa possiamo fare, ora tocca ai rappresentanti degli Stati Uniti darci una risposta".

Parmelin ha anche discusso con Ross dei dazi su acciaio e alluminio imposti dagli Stati Uniti. È stato accertato che due terzi delle domande di esenzione fiscale per i prodotti esportati in questo settore sono state accettate dagli Stati Uniti. Si tratta di un "risultato incoraggiante" e dimostra che le esportazioni svizzere sono prodotti molto specifici che gli Stati Uniti non possono produrre da soli, ha detto Parmelin. Sono pendenti diverse richieste di esenzione fiscale per altre merci d'esportazione.

Parmelin si è recato a Washington per partecipare al vertice annuale del FMI e del Gruppo della Banca mondiale assieme al presidente della Confederazione Ueli Maurer e al presidente della Direzione generale della Banca nazionale svizzera (BNS) Thomas Jordan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.