Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera ha deciso di sospendere gli aiuti diretti alle autorità governative del Burkina Faso dopo il colpo di stato. Berna condanna la presa in ostaggio del presidente di transizione e dei ministri e invita le parti al dialogo, precisa un comunicato del DFAE.

La Confederazione manterrà invece gli aiuti ai governi locali, ad attori privati e della società civile impegnati nella transizione. Gli aiuti diretti, ora sospesi, ammontano a circa 11 milioni l'anno.

La Svizzera è attiva in Burkina Faso dal 1974. Gli aiuti raggiungono circa 29 milioni l'anno e vengono utilizzati nei settori dell'educazione dello sviluppo rurale, della decentralizzazione de della lotta alla corruzione.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS