Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera, guidata dal consigliere federale Didier Burkhalter, vuole svolgere un ruolo attivo a fine maggio a Istanbul in occasione del primo Vertice umanitario mondiale, in particolare dal punto di vista del diritto (foto d'archivio).

KEYSTONE/CYRIL ZINGARO

(sda-ats)

Oltre 125 milioni di persone dipendono ogni giorno dall'aiuto umanitario nel mondo.

Partendo da questa constatazione la Svizzera, guidata dal consigliere federale Didier Burkhalter, vuole svolgere un ruolo attivo a fine maggio a Istanbul in occasione del primo Vertice umanitario mondiale, in particolare dal punto di vista del diritto.

"I bisogni sono giganteschi", ha detto oggi in una conferenza stampa a Ginevra il delegato del Consiglio federale per l'Aiuto umanitario, Manuel Bessler. Nel 2015, i donatori hanno coperto meno del 50% dei circa 20 miliardi di dollari richiesti dall'ONU.

Con 60 milioni di persone, il numero di profughi e rifugiati ha raggiunto un record dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Come dimostra il conflitto siriano, l'accesso agli aiuti umanitari diventa sempre più difficile e le crisi si allungano sempre più.

Operatori umanitari nel mirino

Una delle sfide è quella di portare un aiuto d'urgenza, flessibile ma a corto termine. Una riflessione deve essere condotta con i responsabili dell'aiuto allo sviluppo che non hanno tuttavia la stessa dinamica e lavorano maggiormente con i governi sul lungo periodo.

Gli operatori umanitari sono a loro volta vittime di violenze. Venticinque anni fa, l'emblema della Croce Rossa era sinonimo di protezione. Oggi, è diventato un bersaglio, ha deplorato Bessler, che in passato ha lavorato per il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Con l'arrivo dei rifugiati nelle stazioni europee, l'impatto del fenomeno è diventato globale.

La Svizzera ritiene necessario questo primo Vertice umanitario mondiale e avrebbe persino auspicato che potesse svolgersi a Ginevra. Ma il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha preferito la Turchia, un Paese che costituisce un crocevia dell'emigrazione mondiale. "La scelta è buona" e riflette la volontà di avviare una discussione al di là di New York e Ginevra, ha sottolineato Bessler.

A Istanbul, Berna vuole in particolare mettere l'accento sul rafforzamento del diritto internazionale umanitario. La Confederazione co-presiederà una tavola rotonda sul tema.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS