Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Circa un terzo degli svizzeri ritengono che pubblicare dati personali su internet non è sicuro: lo rileva un sondaggio effettuato dall'istituto di ricerche di mercato Gfk su incarico del portale di raffronto online Comparis. A non ispirare fiducia sono in particolare le reti sociali. Inoltre quasi uno su due utilizzatori di internet dichiara di sentirsi sorvegliato.

Oltre il 70% delle 1200 persone interrogate ha dichiarato che su una scala da 1 ("per nulla sicuro") a 10 ("sicurissimo"), non darebbe più di 4 punti a Facebook, Twitter e altri social network.

Il sondaggio è stato condotto dopo la rivelazione sull'estensione della sorveglianza effettuata dalle spie americane della National Security Agency (NSA) in Europa.

Per quanto riguarda un utilizzo abusivo dei loro dati, quasi i tre quarti delle persone interrogate ha indicato di sentirsi minacciata dai criminali, più dei due terzi dalle reti sociali e la metà dai servizi segreti. L'impressione generale di essere sorvegliati sulla rete è condivisa dal 45% degli intervistati.

Gli internauti svizzeri prendono quindi precauzioni prima di pubblicare dati privati online. Il 45% dichiara di esitare ad indicare nome cognome o indirizzo mail. Per il 23% è impensabile fornire il numero di cellulare e il 35% non pubblicherebbe online foto o video che li rappresentano.

Le misure prese dagli internauti per proteggere i loro dati personali sono molto varie. Un terzo invia dati sensibili tramite posta tradizionale piuttosto che per internet e un interrogato su undici invia mail importanti solo dopo averli criptati. Tuttavia solo il 39% ha istallato un firewall.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS