Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ticino è la destinazione più gettonata tra i viaggiatori svizzeri.

Keystone/TI-PRESS/GABRIELE PUTZU

(sda-ats)

La paura di attentati terroristici ha effetti sulle preferenze di viaggio degli svizzeri, che attualmente preferiscono il Ticino e altre regioni elvetiche a destinazioni estere, soprattutto in paesi islamici.

È quanto emerge da un sondaggio condotto dall'istituto di ricerche gfs.bern per conto del Touring club svizzero (TCS).

Il 60% degli intervistati ha indicato che la minaccia terroristica è un criterio determinante nelle scelte del viaggio, seguito dall'ospitalità degli abitanti del posto (46%). Molto meno importanti i rischi di calamità naturali (27%) o i problemi di lingua (15%).

Dal punto di vista dell'attrattiva, il Ticino riceve la nota 7,2, i Grigioni 6,9 e il Vallese 6,7. Solo l'Italia ottiene un voto simile (7,0). La Turchia (3,1), gli Emirati arabi uniti (3,4) e l'Egitto (3,6) sono invece le destinazioni con le valutazioni peggiori tra le 14 destinazioni turistiche prese in considerazione.

Dal sondaggio emerge poi che la vicinanza culturale è un elemento importante per gli svizzeri: dopo quelle sopra menzionate, le destinazioni di viaggio più attrattive sono le nazioni limitrofe, ossia Germania, Austria e Francia, nonché Spagna e Portogallo.

Nessun paese al di fuori dell'Europa raggiunge questo livello, con note sul 6,3. Oltremare i più quotati sono Australia e Nuova Zelanda a 6,1, seguiti da Stati Uniti (5,1), Sudafrica (5) e Thailandia (4,9).

Un aspetto interessante è che le destinazioni vicine e note sono apprezzate sia dai giovani, sia dalle persone di oltre 66 anni, rileva il TCS.

L'indagine ha permesso di osservare che gli svizzerotedeschi viaggiano diversamente rispetto ai romandi e ai ticinesi. Le vacanze all'estero e in riva al mare trovano maggiori simpatie nella Svizzera latina rispetto a quella tedesca. I ticinesi sono particolarmente attratti dai paesi esotici, mentre gli svizzerotedeschi preferiscono viaggiare in patria e in Europa.

Infine in base al sondaggio vengono definiti tre tipi di viaggiatori svizzeri: gli abitudinari (42%), che trascorrono volentieri le vacanze in patria o ritornano sempre nei luoghi turistici che già conoscono; gli scopritori (36%), i quali adorano tutto ciò che ha a che fare con l'avventura e non trovano nulla di più avvincente di un viaggio in Australia o in Nuova Zelanda e i non viaggiatori (22%), i quali si sentono meglio a casa loro.

Il sondaggio è stato condotto nella prima metà di febbraio presso 1'001 persone di tutte e tre le principali regione linguistiche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS