Navigation

Swiss: scelta sarebbe fra taglio salari e riduzione impieghi

Guadagnare di meno? KEYSTONE/EPA/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 settembre 2020 - 14:30
(Keystone-ATS)

Tagli ai salari o riduzione dei posti di lavoro: è questa, secondo la SonntagsZeitung, l'alternativa che viene attualmente posta al personale di Swiss, compagnia duramente toccata dalla pandemia che ha messo in ginocchio il settore dell'aviazione.

Stando al domenicale i 9500 dipendenti dell'azienda sono minacciati da una grande ristrutturazione. "Il nostro obiettivo è riuscire a superare la crisi con tutti i nostri collaboratori", spiega al giornale il portavoce Marco Lipp. Questo però sarà possibile solo se saranno raggiunte "sostanziali riduzioni dei costi del personale".

L'aviolinea punta a ridurre del 20% gli oneri generali, agendo peraltro in tutti i comparti dell'impresa, non sono a livello di organico. Stando a dichiarazioni di Stefan Brülisauer del Sindacato dei servizi pubblici (VPOD/SSP) nel segmento personale il gruppo vorrebbe risparmiare il 15%: il settimanale avanza quindi la cifra di 1425 impieghi a rischio. Attualmente Swiss sta negoziando con i rappresentanti delle maestranze su un piano sociale e su singoli punti del contratto collettivo di lavoro.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.