Navigation

Swiss continua volare in Cina, nonostante coronavirus

Al momento l'approccio non cambia. KEYSTONE/CHRISTIAN MERZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 gennaio 2020 - 11:53
(Keystone-ATS)

Swiss continua per il momento a volare in Cina, nonostante l'epidemia di Coronavirus: la compagnia aerea segue comunque con molta attenzione gli sviluppi della situazione ed è pronta a reagire in collaborazione con le competenti autorità, ha indicato un portavoce.

Lo stesso fa la casa madre Lufthansa.

Attualmente Swiss constata una domanda contenuta per i voli a destinazione del paese asiatico, ha spiegato l'addetto stampa. I passeggeri con destinazione in Cina possono cancellare o cambiare le loro prenotazioni senza subire costi.

Sui voli da e per la Cina la compagnia mette a disposizione del personale mascherine di protezione. Inoltre l'impresa ha raccomandato ai suoi dipendenti varie misure precauzionali: "queste includono evitare il contatto con gli animali, evitare il contatto ravvicinato con persone con infezioni respiratorie e raffreddori, nonché naturalmente una rigorosa applicazione delle norme igieniche di base, come il regolare lavaggio delle mani", ha detto il portavoce.

Ieri British Airways ha cancellato tutti i voli diretti tra il Regno Unito e il paese a partito unico. Il vettore si è così mosso sulla base degli avvertimenti di viaggio promulgati dal ministero degli esteri britannico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.