Navigation

Swiss Re, mesi per quantificare costi dell'esplosione di Beirut

L'esplosione ha interessato un'area enorme. KEYSTONE/AP/Hussein Malla sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

La valutazione dei costi della gigantesca esplosione che ha devastato una parte di Beirut all'inizio di agosto richiederà diversi mesi: lo ha affermato oggi Moses Ojeisekhoba, direttore generale del comparto riassicurazione preso Swiss Re.

Gli specialisti stanno valutando i danni sul posto e ci vorranno diversi mesi prima di poter valutare l'esposizione della compagnia, ha spiegato Ojeisekhoba in una teleconferenza.

Il colosso tedesco della riassicurazione Munich Re - diretto concorrente di Swiss Re - ha stimato in almeno 100 milioni di euro (108 milioni di franchi) il costo dei rimborsi legati all'esplosione nel porto della capitale libanese. A fine agosto la Banca Mondiale aveva avanzato una prima valutazione dei danni complessivi e delle perdite economiche causate dalla catastrofe, che oscillava tra 6,7 e 8,1 miliardi di dollari (tra 6,1 e 7,4 miliardi di franchi).

L'esplosione del 4 agosto scorso ha causato la morte di 192 persone (un ferito è morto nelle ultime ore), ha interessato 351'000 abitanti e devastato il centro storico della capitale libanese. Nel porto, dove i danni e le perdite sono stimati a 1,6 miliardi di dollari, sono stati distrutti un silos da 120'000 tonnellate, 157'000 metri quadrati di magazzini e 373 container pieni.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.