Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Logo di Swisscom alla sede di Berna

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Swisscom ha registrato un utile netto di 373 milioni di franchi nel primo trimestre 2017, in crescita del 2,5% rispetto ai primi tre mesi del 2016.

Il fatturato netto è tuttavia diminuito dell'1,9%, a 2,83 miliardi di franchi, ha indicato stamane l'operatore telecom, che continua a ridurre posti di lavoro.

Il presidente della direzione Urs Schaeppi, citato in una nota, definisce "solido" l'andamento degli affari, considerato il "contesto difficile" e la "forte pressione sui prezzi".

"L'intensa concorrenza spinta soprattutto dalle promozioni e l'elevata saturazione del mercato rappresentano per noi una sfida continua in relazione al fatturato e alla redditività", ha affermato il manager dell'azienda controllata al 51% dalla Confederazione, spesso preso di mira per lo stipendio d'oro: 1,8 milioni nel 2016, 25 volte quello di un normale lavoratore in Svizzera e quattro volte quello di un consigliere federale.

A causa della flessione dei ricavi nel settore principale di attività - legato in particolare al calo degli abbonati della rete fissa e alla riduzione dei prezzi, roaming incluso - l'azienda continua a tagliare l'organico. A fine marzo i posti a tempo pieno erano 18'280, con una contrazione di 680 nello spazio di dodici mesi, di cui solo la metà è stata raggiunta con la fluttuazione naturale e la gestione dei posti vacanti.

La cura dimagrante è proseguita anche nel primo trimestre: altri 92 posti sono stati cancellati dal gruppo che domina chiaramente il mercato elvetico, con una posizione di preminenza sia nel settore mobile che in quello fisso, come pure - meno marcato - nella televisione. Come noto Swisscom punta a diminuire i costi di 300 milioni entro il 2020: quest'anno dovrebbero essere soppressi 500 impieghi.

Per legare ulteriormente a sé i clienti Swisscom punta sulle offerte combinate: a fine marzo ne usufruivano 1,7 milioni di clienti (+19%) e il fatturato di questo segmento è salito del 12% a 676 milioni. L'azienda ha appena lanciato inOne, offerta che abbina banda larga, televisione e tariffe forfettarie per rete fissa e mobile per un massimo di cinque persone, con la possibilità, però, di escludere o adeguare alle esigenze personali ogni componente. Il gruppo spera che inOne permetterà di contrastare il rallentamento della crescita del numero di utenti.

Anche Swisscom TV continua a godere di grande popolarità. Nonostante quella che viene definita la "dura concorrenza di altri offerenti" è stato registrato un aumento degli abbonamenti del 9% su base annua, a 1,44 milioni (+20'000 nel primo trimestre). Saturo viene invece considerato il mercato della comunicazione mobile: nei primi tre mesi sono lievemente aumentati i clienti postpaid (+0,2%), mentre sono scesi quelli prepaid (-1,0%). In questo campo è peraltro fortemente aumentata l'attività all'estero: rispetto all'anno precedente il traffico dati è salito dell'86%, quello vocale del 7%. Cattive nuove arrivano per contro dai collegamenti a banda larga (-0,2%) e da quelli di rete fissa (-3,0% a 2,3 milioni).

La controllata italiana Fastweb ha beneficiato di un andamento degli affari giudicato "ottimo". Il fatturato è progredito del 3% a 453 milioni di euro. L'utile operativo a livello Ebitda si è attestato a 145 milioni di euro (+11%).

"Il contesto in cui operiamo resterà impegnativo anche per il resto dell'anno", afferma il CEO Schaeppi. Swisscom mantiene comunque la rotta: per il 2017 è previsto un giro d'affari di 11,6 miliardi e un Ebitda di 4,2 miliardi.

Nelle prime reazioni gli analisti si sono mostrati soddisfatti dei risultati, pur mostrando prudenza riguardo all'avvenire. Il fatturato è risultato lievemente inferiore alle attese, mentre l'utile ha battuto le previsioni. Tutti gli specialisti lodano peraltro il controllo dei costi.

In borsa in mattinata il titolo Swisscom guadagnava oltre l'1%, in un mercato generalmente fermo al palo. L'andamento dell'azione potrebbe essere legato al fatto che alcuni osservatori temevano una correzione al ribasso degli obiettivi annuali comunicati in febbraio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS