Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità americane hanno dubbi sull'offerta di ChemChina da 44 miliardi di franchi su Syngenta. Lo riporta il Financial Times, sottolineando che a preoccupare le autorità Usa è l'impatto che l'acquisizione potrebbe avere sulla sicurezza alimentare.

"Sono preoccupato dal modo in cui la biotecnologia e l'innovazione sono trattate e ostacolate da un sistema in Cina che spesso non è basato sulla scienza ma che sembra più basato sulla politica" ha afferma Tom Vilsack, il segretario all'agricoltura americano, in una conferenza telefonica con i giornalisti.

Syngenta e gli altri produttori di ogm, inclusa Monsanto, sono riusciti negli ultimi anni a ottenere l'approvazione a distribuire semi ogm in Cina. Gli Stati Uniti hanno sollevato dubbi con Pechino su quello che ritengono un processo non corretto e opaco che sospettano sia spinto dal desiderio della Cina di tutelare la sua nascente industria biotecnologica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS