Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'archivio dell'Abbazia benedettina di Einsiedeln si presenta al pubblico dopo quasi sette anni di lavori di ristrutturazione, costati circa dodici milioni di franchi. Sabato, nel corso di una giornata di porte aperte, sarà possibile visitare i nuovi locali adibiti a magazzino, gli uffici e la sala lettura di uno dei più importanti archivi privati elvetici, che vanta documenti risalenti fino al X secolo.

Nell'archivio si trovano oltre a registri, documenti, mappe e fotografie anche materiali diversi come ad esempio un coltellino svizzero con impressa la bandiera USA, donato al monastero dall'ex presidente George Bush Senior. I documenti sono stati quasi tutti digitalizzati e sono quindi ora consultabili in internet.

A lungo l'Abbazia ha dovuto lottare con problemi di spazio: ora il prezioso materiale è ospitato nei nuovi locali del magazzino, circa 450 metri quadrati creati nel sottosuolo, negli uffici e nella sala lettura che hanno trovato posto in un'ala un tempo occupata dai laboratori del monastero. Documenti, registri, mappe e fotografie nonché tutto il materiale della biblioteca musicale hanno ora ben 4,8 chilometri di ripiani a loro disposizione, in un moderno sistema di scaffalature mobili.

Il 4 dicembre 2004 la comunità monastica di Einsiedeln aveva deciso di riorganizzare l'archivio dell'Abbazia utilizzando anche altre ali del monastero. Nel corso degli anni il progetto si è evoluto, includendo anche una nuova sistemazione della libreria musicale, della legatoria e del laboratorio di restauro dei libri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS