Navigation

Tabacco: due terzi degli svizzeri favorevoli a divieto pubblicità

Due terzi della popolazione svizzera è favorevole a un eventuale divieto di pubblicità per prodotti del tabacco. E più dei tre quarti vorrebbe regole più rigide per nuovi prodotti quali sigarette elettroniche, iQOS e tabacco per uso orale. KEYSTONE/AP/MICHAEL PROBST sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2020 - 15:24
(Keystone-ATS)

Due terzi (67%) della popolazione svizzera è favorevole a un eventuale divieto di pubblicità per prodotti del tabacco. E più dei tre quarti (78%) vorrebbe regole più rigide per nuovi prodotti quali sigarette elettroniche, iQOS e tabacco per uso orale.

È quanto risulta da un sondaggio commissionato dalla Lega polmonare svizzera, la quale in un comunicato odierno sottolinea che tutti i gruppi di età, donne e uomini di qualsiasi appartenenza politica, sia nelle campagne che nelle città, si schierano a favore dell'introduzione del divieto.

Il 67% degli intervistati si è detto favorevole e il 22% piuttosto favorevole alla proposta di proibire la pubblicità di prodotti del tabacco classici: un dato decisamente al di sopra della media in un sondaggio online, scrive la Lega polmonare.

La motivazione principale (47%) sono i rischi sanitari e di dipendenza rappresentati dal tabacco. La seconda (29%) è la tutela dei giovani, gruppo che rischia particolarmente di sviluppare una dipendenza. Al terzo posto (18%) gli intervistati citano gli elevati costi sanitari provocati dal fumo.

Riguardo a quali pubblicità dovrebbero essere vietate, più del 70% dei partecipanti all'inchiesta ha indicato la sponsorizzazione di eventi culturali e sportivi, molto seguiti da adolescenti e giovani adulti. Gli intervistati (1339 partecipanti di tutta la Svizzera) inoltre hanno riferito di essere favorevoli al divieto anche nei cinema nonché su manifesti, giornali e riviste, ma pure su internet e nei punti vendita. In pratica, in qualsiasi spazio pubblico.

Giovedì e venerdì prossimi la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (CSSS-N) dibatterà della legge sui prodotti del tabacco.

Nel settembre del 2019 è stata depositata l'iniziativa popolare "Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco (Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco)", lanciata da organizzazioni giovanili e per la tutela della salute. In particolare, l'articolo 118 della Costituzione ("Protezione della salute") andrebbe completato con l'obbligo imposto alla Confederazione di vietare "ogni forma di pubblicità per i prodotti del tabacco che raggiunge fanciulli e adolescenti". Quindi anche in luoghi pubblici, cinema, festival e internet.

Il Consiglio federale ha raccomandato di respingere il testo, ritenendo che "si spinge troppo lontano". L'esecutivo si è comunque impegnato ad "elaborare un progetto di legge che risponda ampiamente alla richiesta dell'iniziativa."

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.