Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Rimane stabile la percentuale di fumatori in Svizzera. Nel 2009, come nell'anno precedente, fumava il 27% della popolazione: lo rileva un'indagine sul tabagismo pubblicata oggi dall'Ufficio federale della sanità (UFSP) che evidenzia come le donne continuino a fumare meno (23%) rispetto agli uomini (31%).
Coloro che più spesso si accendono una sigaretta sono le persone di età compresa tra i 20 e i 24 anni (il 39% rispetto al 38% nel 2008). In questa fascia, la percentuale degli uomini è il 44% e quella delle donne il 34%.
Secondo l'indagine, gli svizzeri che fumano quotidianamente sono il 19%: lo fanno prevalentemente a casa e si accendono in media 15 sigarette al giorno. Un altro 8% fuma saltuariamente, per lo più al bar o al ristorante. Il posto di lavoro non è più il luogo in cui si fuma solitamente: se la proporzione era ancora del 31% tra il 2001 e il 2002, questa è scesa al 17% nel 2009.
Altro dato interessante messo in evidenza dall'indagine è che una buona metà (54%) degli svizzeri non ha mai fumato e gli "ex amanti" della sigaretta rappresentano il 19%.
Nella prima indagine condotta sul tabagismo - nel 2001 - i fumatori svizzeri erano ancora il 33%. Da allora la percentuale è costantemente diminuita o rimasta invariata.
Il sondaggio è stato condotto interrogando 10'000 persone provenienti da tutta la Svizzera in età compresa tra i 14 e i 65 anni.

SDA-ATS