Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I tassi di interesse rimarranno bassi ancora a lungo in Svizzera: lo sostiene Anja Hochberg, responsabile del settore investimenti di Credit Suisse per l'Europa e la Confederazione.

La Banca nazionale - afferma l'esperta - ha le mani legate perché non può permettere un rafforzamento del franco, che andrebbe a colpire l'industria.

Finché l'industria elvetica non fornirà un quadro positivo l'istituto non potrà alzare i tassi, ha spiegato Hochberg in una conferenza stampa a Zurigo.

La sua opinione è condivisa da Nannette Hechler-Fayd'herbe, responsabile della strategia di investimento di Credit Suisse. Alla domanda relativa a quando la BNS tornerà ad aumentare i tassi la specialista ha risposto che "ce lo possiamo dimenticare per i prossimi tre anni".

Al contrario, nei prossimi tempi si andrà in direzione opposta. Se il 3 dicembre la Banca centrale europea espanderà ulteriormente la sua politica monetaria, la BNS abbasserà da -0,75% a -1,00% il suo interesse negativo. Parallelamente se necessario l'istituto continuerà a intervenire sui cambi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS