Navigation

Tav: protesta si allarga a tutta Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2012 - 20:46
(Keystone-ATS)

Dal Piemonte al resto del Paese: si allarga a macchia d'olio la protesta dei "no tav", sull'onda della solidarietà a Luca Abbà, uno dei leader del movimento rimasto gravemente ferito, oggi in Val di Susa, nel corso di una manifestazione in coincidenza con l'inizio dei lavori di l'ampliamento del cantiere della linea ad Alta Velocità Torino-Lione.

La protesta non ha risparmiato la Rete: i siti istituzionali di polizia e carabinieri sono inaccessibili dopo un attacco dei pirati informatici di Anonymous, lanciato in solidarietà ai manifestanti No Tav.

L'azione è stata rilanciata dagli attivisti su Twitter e sugli altri siti del movimento che stanno seguendo in diretta le proteste e i presidi, convocati nel pomeriggio in oltre 50 città italiane, tra le quali Venezia, Napoli, Firenze, Roma, Milano e Bologna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?