Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - L'attore e regista teatrale Laurent Terzieff e' morto ieri a 75 anni a Parigi, per "complicazioni polmonari", dopo aver sofferto "per diverse settimane", ha annunciato il suo agente, Alain Ichoux.
Indipendente, esigente e discreto, questo autodidatta del teatro ha fatto conoscere autori come Andreiev, Mrozek, Milosz e gli anglosassoni James Saunders, Murray Schisdal, Edward Albee.
Vera leggenda, attore incandescente dal viso emaciato, Terzieff era stato incoronato in aprile miglior attore ai Molière, gli Oscar del teatro francese, per due diversi ruoli.
Nato il 27 giugno del 1935 a Tolosa, da una madre ceramista e un padre scultore di origine russa, Laurent Terzieff, il suo vero nome e' Laurent Tchemerzine, si era consacrato al teatro dopo aver visto, adolescente, 'La Sonata degli Specchi' di Strinberg, messa in scena da Roger Blin, di cui era diventato il figlio spirituale.
Ha appreso il mestiere in scena come macchinista, doppiatore, suggeritore e comparsa, prima di debuttare nel 1952, grazie a Jean-Marie Serreau, suo altro mentore, in 'Tutti contro tutti' di Adamov.
Vivendo il teatro come un sacerdozio, aveva fondato nel 1961 la compagnia che porta il suo nome e che spesso era ospitata in piccoli teatri privati.
Attore fuori dagli schemi e di una grande sensibilita', Laurent Terzieff, aveva ricevuto numerosi Molière, per due commedie di grande successo: 'Ce que voit Fox' (1988) e 'Temps contre Temps' (1993).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS