Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Iran valuta contromisure per il bando deciso dagli Stati Uniti. Nell'immagine una veduta di Teheran.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

L'Iran esaminerà la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che ha ripristinato in parte il decreto del presidente Donald Trump sul divieto di ingresso per i cittadini di sei Paesi musulmani, tra cui l'Iran, e "adotterà le opportune contromisure".

Lo ha riferito il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi.

"È deplorevole che il governo americano ignori i principali responsabili degli atti terroristici, evidenti al mondo, fornendo un indirizzo sbagliato soltanto per perseguire i suoi obiettivi economici e commerciali di breve durata", ha aggiunto Qasemi rimarcando che, "sebbene la maggioranza dei musulmani negli Stati Uniti, inclusi gli iraniani, siano pacifici, rispettosi della legge e contro estremismi e violenze, i governanti americani li trattano con diffidenza, insulti e umiliazione".

SDA-ATS