Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La tempesta "Niklas" si è spostata dalla Scozia portando forti venti in buona parte del centro Europa. Già questa mattina ha raggiunti i confini svizzeri facendo registrare raffiche che sulle cime alpine sono arrivate a 165 km/h.

Questo notevole dato è stato fatto segnare sul Crap Masegn, nel canton Grigioni, ha comunicato oggi SRF Meteo, mentre sul Säntis il vento è arrivato a 147 km/h. In pianura le correnti hanno raggiunto gli 80 km/h, ma potrebbero toccare i 100 km/h in giornata.

Le folate più violente dovrebbero essere raggiunte fra la tarda mattinata ed il primo pomeriggio di oggi, sostengono gli esperti. Sulle cime si potrebbero sfiorare i 170 km/h, e nelle regioni prealpine i 120 km/h.

Il vento ha anche degli effetti positivi: questa mattina si sono registrate temperature miti. A Liestal, alle 6:00, il termometro ha raggiunto i 15 gradi. Verso sera il limite delle nevicate scenderà tuttavia attorno ai 1000 metri sopra il livello del mare. Domani potrebbe addirittura nevicare fino in pianura.

I fenomeni tempestosi creano però anche disagi. Nella Svizzera centrale diversi impianti di risalita hanno interrotto le loro corse per motivi di sicurezza. Colpiti ad esempio i mezzi per raggiungere il Pilatus e la Matterhorn-Gotthard-Bahn fra Andermatt (UR) e Disentis (GR). Questo provoca interruzioni nel carico auto fra Andermatt e Sedrun (GR), mentre i passeggeri del Glacier Express vedono il loro percorso deviato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS