Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La tempesta di föhn, che alla vigilia di Natale ha portato temperature primaverili in alcune parti della Svizzera, si è intensificata la notte scorsa. In alta montagna le folate hanno persino superato i duecento chilometri orari. Il vento ha causato a volte problemi all'erogazione elettrica e la chiusura di vari impianti di risalita. Alcuni disagi anche per le ferrovie.

Secondo il servizio della tv svizzero tedesca SRF Meteo, sul Gütsch, sopra Andermatt (UR), le raffiche hanno registrato punte di 208 km/h. Sullo Jungfraujoch (BE), a circa 3580 metri di quota, il vento ha raggiunto i 163 km/h, sul Piz Martegnas (2681 m), ad ovest di Savognin (GR), e nell'Urnerboden, ad est del passo del Klausen (UR) 156 km/h, sul Titlis (3238 m) 155 km/h.

A bassa quota, il vento ha soffiato fino ad oltre 120 km/h a Meiringen (BE) e a Vaduz (Liechtenstein), e fino a 115 km/h a Glarona ed Altdorf (UR). Meno forte in Svizzera romanda, con punte di 88 km/h a Oron-la-Ville (VD), sulle alture fra Losanna e Montreux, e di 85 km/h a Bouveret, località vallesana sul lago Lemano.

I meteorologi prevedono che il vento perderà solo un po' di intensità durante la giornata di Natale per poi calare decisamente in serata. In seguito ciò darà spazio ad un fronte freddo, con il conseguente sopraggiungere di pioggia e neve nel corso del pomeriggio. Il limite delle nevicate a nord delle Alpi scenderà fino a mille metri di quota, e il giorno di Santo Stefano a tratti fino in pianura. In montagna dovrebbero esserci oltre 40 centimetri di neve, MeteoSvizzera.

Al sud delle Alpi, dove le precipitazioni non sono mancate già negli scorsi giorni, sono da aspettarsi fino a 200 mm di pioggia nelle prossime ore, ed in montagna, localmente, oltre un metro e mezzo di neve fresca, che porterà un "marcato" (livello 3) pericolo di valanghe.

Le forti raffiche di vento hanno lasciato senza corrente, a partire dalla mezzanotte, persone nella valle di Riemenstalden e nella zona del Fronalpstock (SZ/UR) nonché quelle sui monti di Schattdorf (UR).

Nell'Oberland bernese, la tempesta ha invece bloccato il funzionamento degli impianti di risalita di Grindelwald e Wengen verso la Kleine Scheidegg, nonché quelli per il vicino Jungfraujoch, riferisce Railinfo. Chiusi per tutta la giornata anche quelli di Meiringen-Hasliberg, sempre nell'Oberland bernese. Stessa situazione per la zona sciistica di Andermatt (UR). Nel canton Grigioni, stamane era interrotto il traffico della ferrovia retica RhB fra Pontresina e Poschiavo.

Le FFS hanno invece segnalato un problema alla circolazione dei treni fra Briga (VS) e Domodossola (Italia). Questa mattina la tempesta ha danneggiato una linea di contatto, bloccando per un paio d'ore un convoglio interregionale con una cinquantina di passeggeri a bordo. L'inconveniente è avvenuto in territorio italiano, ma, dopo un'ora che non succedeva niente da parte italiana, le FFS si sono decise ad intervenire, inviando un treno di spegnimento e salvataggio, ha detto all'ats il portavoce Christian Ginsig. I passeggeri sono poi stati trasportati sia a Domodossola sia in Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS