Tutte le notizie in breve

Ben cinque asteroidi hanno salutato la Terra nell'arco di tre giorni, dal 19 al 21 marzo, e tre di essi lo hanno fatto con passaggi "ravvicinati" avvenuti all'interno dell'orbita lunare. Tutti, inoltre, sono stati scoperti nell'arco di 24 ore.

Dei tre asteroidi segnalati il 20 marzo, due sono passati il 19 e il 20, mentre il terzo si è avvicinato alla Terra alle 16:04 di oggi. Altri due sono stati scoperti nella stessa giornata, ha detto l'astrofisico italiano Gianluca Masi, responsabile del progetto Virtuale Telescope.

Gli asteroidi sono scoperti a ridosso del loro passaggio dal programma Mount Lemmon Survey, gestito dall'università dell'Arizona. Il primo asteroide si chiama 2017 FN1, ha un diametro di circa 2 metri e sì è avvicinato alla Terra alle 22:01 svizzere del 20 marzo passando a circa 61'000 chilometri, ossia a meno di un quinto della distanza che separa il nostro pianeta dalla Luna.

Il secondo asteroide, 2017 FM1, è appena più grande, con un diametro di cinque metri, e alle 23:38 del 20 marzo è passato alla distanza di circa 120'000 chilometri. Anche questo, quindi all'interno dell'orbita lunare. "Succede sempre più spesso di scoprire degli asteroidi subito dopo il loro passaggio, al punto che è quasi un miracolo acciuffarli", ha osservato Masi. La maggiore frequenza di queste scoperte, ha aggiunto, è dovuta all'efficacia sempre maggiore dei telescopi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve