Navigation

Terremoti: sisma 7.8 Pacifico, allerta tsunami N.Zelanda

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2011 - 21:52
(Keystone-ATS)

Un potente sisma di magnitudo 7.8 nel Pacifico ha fatto scattare l'allerta tsunami per la Nuova Zelanda, le isole Kermadec e Tonga. Lo riferisce l'osservatorio geologico americano (Usgs).

Il potente terremoto - registrato alle 07:03 di mattina ora locale, le 21.03 in Svizzera - ha avuto come epicentro l'area del Pacifico al largo delle Isole Kermadec, a nord est dalla Nuova Zelanda.

Inizialmente registrato con una potenza di 7.9, il sisma di magnitudo 7.8 ha immediatamente fatto scattare l'allerta tsunami per la Nuova Zelanda, ha riferito lo US Pacific Tsunami Center.

Le esatte coordinate dell'epicentro del sisma sono di 211 km ad est dell'Isola Raoul (arcipelago delle Kermadec) e una profondità di soli 48 chilometri.

Nel far scattare l'allarme tsunami, il Centro americano ha spiegato di non essere ancora in grado di riferire se uno tsunami si sia effettivamente sviluppato. Nel caso in cui uno tsumani si sviluppasse, l'onda anomala sarebbe in grado di raggiungere East Cape in Nuova Zelanda entro due ore e Auckland entro tre ore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?