Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Al Qaida minaccia di colpire i Mondiali di calcio in Sudafrica ed in particolare le nazionali di Stati Uniti, Gran Bretagna, Italia, Francia e Germania perché parte "della campagna sionista-crociata contro l'islam".
Lo riferisce la CBS online citando un comunicato dell'Aqmi, il braccio armato di al Qaida in Nord Africa, del network del terrore pubblicato su un sito integralista.
"Come potrebbe essere sorprendente la partita tra Stati Uniti e Gran Bretagna trasmessa in diretta e in uno stadio stracolmo di spettatori quando il boato di una esplosione si propagherà attraverso gli spalti, l'intero impianto sarà sotto sopra e i morti si conteranno a decine e centinaia, ad Allah piacendo", si legge nel testo dell'Aqmi pubblicato su un sito della Jihad Mushtaqun Lel Jannah (Longing to Paradise) e riportato sulla rubrica dei blog della CBS online.
La partita tra Gran Bretagna e USA è prevista per il 12 giugno allo stadio di Rustenburg.
Il comunicato evidenzia poi alcune recenti azioni del gruppo terroristico, come l'attacco suicida di dicembre in Afghanistan che provocò la morte di sette agenti della CIA e il tentato attentato di Natale su un volo Amsterdam-Detroit, compiuto dal nigeriano Umar Farouk Abdulmutallab.
Nel comunicato si citano anche le nazionali di Germania, Francia e Italia tra i possibili obiettivi "Tutti questi paesi - scrive il comunicato - sono parte della campagna dei crociati sionisti contro l'Islam".
Il gruppo afferma che utilizzerà esplosivo non rilevabile, che consentirà loro di superare i controlli: "Tutte le misure di sicurezza e le macchine a raggi x che l'America invierà dopo aver letto questo comunicato non saranno in grado di capire come l'esplosivo sia stato introdotto. La ragione la spiegheremo a tempo debito. Sono pronti a essere scalfiti i vostri preparativi per l'evento, signor Platter?" (Blatter, ndr).

SDA-ATS