Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Stimiamo tra i cinque ed i settemila foreign fighter europei" presenti in Siria ed in Iraq che, "se tornano indietro è per fare attentati". Lo ha detto il direttore dell'agenzia finalizzata alla lotta al crimine dell'Unione europea (Europol), Robin Wainwright.

All'incontro organizzato dalla polizia italiana con i capi delle polizie dei Paesi balcanici, Robin Wainwright ha sottolineato che si tratta di una "minaccia diversa e più complessa rispetto all'11 settembre".

Al Qaida, infatti - ha spiegato - aveva delle strutture di comando, mentre l'Isis è un'organizzazione molto più fluida di persone "che si muovono tra i Paesi e non è possibile monitorarle 24 ore al giorno".

Si tratta - ha aggiunto - una minaccia che si combatte con un "maggiore scambio di informazioni e più controlli sul finanziamento al terrorismo ed al traffico d'armi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS