Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

India e Cina hanno deciso per la prima volta di cooperare nel campo della lotta al terrorismo internazionale e della tutela della sicurezza interna.

È quanto emerge da un comunicato congiunto reso noto oggi al termine di una visita del ministro degli Interni indiano Rajnath Singh a Pechino.

I due giganti asiatici si sono impegnati a scambiarsi informazioni sui sospetti terroristi e rapporti di intelligence. L'iniziativa, definita dalla stampa indiana 'rara', è stata presa sull'onda dell'allerta generale dopo gli attentati a Parigi.

Anche il premier Narendra Modi, che si trova in Malaysia per il vertice dell'Asean, ha sottolineato la necessità di uno sforzo comune di New Delhi e Pechino durante un incontro oggi con il suo omologo cinese Li Keqiang.

Nei colloqui tra Singh e vertici del Partito comunista cinese a Pechino, si cita espressamente lo "scambio di informazioni su attività e gruppi terroristi, su esperienze contro i sequestri, la presa di ostaggi e altri crimini legati al terrorismo".

India e Cina hanno anche deciso di creare un 'meccanismo' presieduto dai rispettivi ministri degli Interni e composto da diversi comitati che si incontrerà ogni due anni per fare il punto su questioni relative alla sicurezza interna.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS