Navigation

Terrorismo: Iran respinge le accuse

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 febbraio 2012 - 18:10
(Keystone-ATS)

"L'Iran respinge categoricamente le accuse riguardanti il coinvolgimento nei recenti attentati terroristici contro obiettivi israeliani in Thailandia, India, Georgia e Azerbaijan".

Lo ha scritto l'ambasciatore di Teheran al Palazzo di Vetro Mohammad Khazaee in una lettera indirizzata ai membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

"Le accuse sostenute da Israele si basano su informazioni false e fuorvianti", ha spiegato Khazaee. L'Iran - secondo il diplomatico - è inequivocabile nella sua condanna al terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni, ha costituito il bersaglio di diversi attentati i propri scienziati nucleari. "In base alle prove è stato il regime israeliano ad aver architettato tali azioni e fornito strutture di formazione e logistica ai terroristi", ha spiegato.

Secondo Khazaee tutto ciò rientra nella strategia di guerra condotta contro la repubblica islamica, ribadendo ai Quindici che non ci dovrebbero essere due pesi e due misure nel trattare gli atti terroristici. "Questi crimini sottolineano non solo la natura aggressiva e guerrafondaia del regime israeliano - ha proseguito Khazaee - ma costituiscono anche una chiara violazione delle norme stabilite dalle convenzioni internazionali e richiedono una risposta chiara e decisa da parte delle Nazioni Unite".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?