Navigation

Terrorismo: straniero domiciliato in Svizzera arrestato in Kenya

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2012 - 19:10
(Keystone-ATS)

Uno straniero domiciliato in Svizzera è stato arrestato in Kenya, ha indicato all'ats il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Secondo informazioni pubblicate oggi dal Blick, il giovane adulto è sospettato di legami con la milizia jihadista somala di Al Shabaab.

Le autorità kenyane non hanno ancora ufficialmente preso contatto con Berna, aggiunge il DFAE, precisando che il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) si occupa delle "questioni relative alla sicurezza".

L'uomo, che secondo il Blick ha 19 anni e risiede a Bienne (BE), è titolare di un permesso C, ha informato l'Ufficio federale della migrazione (UFM).

Lo studente liceale sarebbe scomparso dalla circolazione senza dare notizia di sé. "Non sapevamo che pensare", dice un amico del giovane interrogato dal Blick a Bienne. "È innocente", hanno detto al giornale i genitori, confermando l'avvenuto arresto.

Ufficialmente il giovane è stato fermato per infrazioni all'ingresso nel paese. Secondo il visto in suo possesso, scrive il Blick, avrebbe dovuto lasciare il Kenya il 30 aprile. Vi sarebbe giunto lo scorso 23 febbraio.

Sempre secondo il quotidiano zurighese il 19enne è sospettato di legami con il terrorismo dalle autorità kenyane. Sarebbe stato in contatto con Al Shabaab, un gruppo che recentemente ha aderito ad Al Qaida, e avrebbe partecipato a una formazione con miliziani in un campo in Somalia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?