Navigation

Terrorismo: Zapatero, liberati ostaggi spagnoli

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2010 - 15:06
(Keystone-ATS)

MADRID - Il premier spagnolo Josè Luis Zapatero ha annunciato questo pomeriggio la liberazione dei due ostaggi spagnoli Roque Pasqual e Albert Vilalta nelle mani di Al Qaeda per il Maghreb islamico da dicembre. "I due ostaggi spagnoli sono liberi", ha detto Zapatero in una conferenza stampa convocata nella sede della presidenza del governo spagnolo.
I due cooperanti catalani, ha aggiunto Zapatero, sono stati liberati dopo "nove mesi di sofferenze". Il premier spagnolo ha fatto solo una breve dichiarazione e non ha dato dettagli sulle circostanze della liberazione.
Secondo la stampa spagnola, i due uomini sono stati trasferiti oggi dalla Mauritania verso il Burkina Faso, dove un Falcon dell'esercito spagnolo deve riportarli a casa, a Barcellona, questa sera. Nell'aereo si trovano le mogli dei due uomini e il segretario di Stato alla Cooperazione Soraya Rodriguez, rappresentante il governo, secondo "El Pais" online.
"El Mundo" ha scritto oggi che i due volontari catalani, sequestrati in Mauritania il 28 novembre, sono stati rilasciati in cambio della liberazione di un membro di Al Qaeda per il Maghreb islamico (Aqmi) e del pagamento di un riscatto di 3,8 milioni di euro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.