Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BANGKOK - Oltre 200 'camicie rosse' hanno fatto irruzione nella notte nell'ospedale di Chulalongkorn, a Bangkok, alla ricerca di soldati ricoverati nella struttura. L'azione, riportata su Twitter, ha sollevato diverse critiche da parte della comunità mediatica.
Il direttore dell'ospedale, Adisorn Patradul, si è inizialmente opposto all'ingresso dei membri della Democratic Alliance against Dictatorship (DAAD) nel complesso. In un secondo momento, riferiscono fonti, un leader della protesta ricercato dalla polizia, Payap Panket, è riuscito a entrare nell'ospedale per un'ispezione. Una volta aperta la porta, anche altri manifestanti anti-governativi hanno fatto irruzione nella struttura.
Durante l'ispezione, le 'camicie rosse' hanno prelevato due uomini, credendoli militari, e li hanno portati all'incrocio di Rajprasong, dove si concentra la protesta. I due sono stati in seguito rilasciati dopo la verifica che si trattava di civili, non di soldati.
Intanto, da oggi l'esercito ha inviato un centinaio di militari a protezione dell'ospedale, per evitare che l'Udd ripeta l'irruzione della notte.

SDA-ATS