Navigation

Thailandia: manifestazione a Bangkok, chiesta riforma monarchia

Migliaia di manifestanti si sono riuniti davanti al monumento per la democrazia a Bangkok. Keystone/AP/SAKCHAI LALIT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2020 - 19:06
(Keystone-ATS)

"Abbasso la dittatura", "il paese appartiene al popolo": 12'000 persone secondo la polizia, in maggioranza giovani, sono scese in piazza oggi a Bangkok contro il governo semi-militare, nella manifestazione più imponente dal golpe del 2014.

La folla si è radunata dal pomeriggio attorno al Movimento per la democrazia, in un contesto pacifico. Dal palco, attivisti hanno arringato i partecipanti, in maggioranza vestiti con magliette nere ispirandosi alle proteste di Hong Kong.

Slogan e cartelli inneggiavano alla democrazia e alla libertà di espressione, con messaggi irriverenti verso il premier Prayuth Chan-ocha - il leader golpista confermatosi al potere l'anno scorso in elezioni viziate da diffuse irregolarità - e in alcuni casi lo stesso re Rama X, che non gode della stessa autorità morale del padre e vive in Germania a parte brevi visite.

Il movimento chiede un nuovo parlamento, una nuova Costituzione che rimpiazzi quella approvata dai militari golpisti e lo stop alla persecuzione giudiziaria e alle intimidazioni per i critici del governo e della monarchia, di cui chiede una riforma ispirata alle monarchie costituzionali europee. Pochi giorni fa, studenti universitari hanno letto un manifesto in dieci punti per ridurre i poteri attuali del monarca.

Tali richieste si avventurano in equilibrismi semantici, in un paese dove la legge di lesa maestà prevede fino a 15 anni di carcere e in cui il sovrano è ufficialmente al di sopra della politica. Ma il beneplacito reale di fatto alle decine di colpi di Stato nella storia della Thailandia è visto dai dimostranti come un segno di legami di potere che impediscono una vera democrazia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.