Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il rifiuto della stretta di mano ad una maestra da parte di due allievi musulmani a Therwil (BL) deve essere sanzionato con lavori socialmente utili. Il consiglio scolastico ha respinto un ricorso dei genitori contro queste misure disciplinari.

Un ricorso è ancora possibile e la prossima istanza sarebbe il governo cantonale di Basilea Campagna. La direttrice del dipartimento dell'istruzione, Monica Gschwind, ha annunciato nella nota un progetto di legge per mettere chiarezza nella situazione e difendere il diritto degli insegnanti a richiedere la stretta di mano, che in alcune scuole è una tradizione.

Il caso - che ha coinvolto anche la giustizia minorile, la polizia cantonale e l'ufficio della migrazione - si è guadagnato le prime pagine dei giornali. Per tali casi sono attualmente previste sanzioni che vanno dall'ammonizione alla multa fino a 5'000 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS