Navigation

Tibet: due monaci si danno fuoco, ignote le condizioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2011 - 09:11
(Keystone-ATS)

È incerta la sorte dei due giovani monaci tibetani che ieri si sono dati fuoco per protesta contro l'occupazione cinese del Tibet. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Thongan di 18 anni e Tenzin di 20, sono ricoverati in ospedale dopo essere stati soccorsi dalla polizia cinese e non avrebbero ferite gravi.

I due si sarebbero dati fuoco mentre erano in abiti civili, non essendo più monaci del monastero di Kirti, nella provincia sudoccidentale del Sichuan, al centro di proteste e già teatro di altre due immolazioni di monaci.

Secondo fonti tibetane - che chiamano i due monaci Chophel, appartenente alla famiglia dei Gongma Juri, e Khaying, della famiglia Thawa Gongma Songpo - Chopel sarebbe morto mezz'ora dopo il suo gesto mentre l'altro monaco verserebbe in gravi condizioni. Sono sette i monaci tibetani che dal marzo di quest'anno si sono dati fuoco per protesta contro l'occupazione cinese, cinque dei quali solo nei pressi del monastero di Kirti in tre incidenti separati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?